I vincitori del premio Posta 2020

Gäggersteg (BE)

Nel 1999 la tempesta Lothar provocò ingenti danni alla foresta anche nella regione del Gantrisch, nelle Prealpi Bernesi. A essere particolarmente colpito fu il fianco della vetta prealpina del Gägger. La zona venne pertanto contrassegnata come riserva boschiva. Nel contempo fu creato un «sentiero in legno della tempesta Lothar», dal quale i visitatori della regione potevano osservare il rimboschimento naturale.

Parte integrante del percorso didattico era costituito da una breve passerella. Nel corso del tempo, la passerella si è decomposta ed è stato necessario procedere al suo smantellamento. Ora la Verein Gäggersteg (un’associazione sentieristica) ha edificato una nuova passerella. La costruzione, realizzata con legno di abete locale, lunga all’incirca 250 metri e alta fino a otto metri, permette di godersi una vista spettacolare sulla riserva.

Il «percorso delle cime degli alberi» consente di scoprire la foresta che si rinnova adottando, per così dire, una prospettiva a volo d’uccello. In questo modo si può vivere sulla propria pelle la forza rigeneratrice dell’ecosistema boschivo e, quindi, la vitalità della natura. Allo stesso tempo il percorso offre una splendida visuale sulla catena del Gantrisch e sulle Alpi Bernesi.

Direttamente nelle vicinanze della nuova passerella si snodava finora il sentiero panoramico del Gantrisch. Quest’estate, nella zona del Gägger il percorso verrà spostato sulla passerella Gäggersteg. L’amata escursione panoramica nel parco naturale del Gantrisch si arricchisce così di una nuova attrazione. Con questa novità gli iniziatori del percorso si sono ripromessi di contribuire all’educazione ambientale e alla comprensione della natura.

Foto: Matthias Remund

Tour du Mont (VS)

Foto: mad

A metà altezza tra la vetta del Crêt du Midi e la valle del Rodano è situato Vercorin, un paesino di montagna nel Vallese che si adagia sul versante meridionale del Mont de Vercorin. Il «monte» non è una vetta aguzza, bensì una cima dolcemente arrotondata. Intorno all’altura si articola il «Tour du Mont», un sentiero circolare semplice contrassegnato come percorso didattico boschivo e utilizzato attivamente già da diverso tempo. Il tracciato è tuttavia stretto e in parte permeato da nodose radici. In diversi punti il percorso presenta inoltre tratti ripidi.

Grazie a un progetto di risanamento, il comune di Chalais (di cui fa parte il paese di Vercorin) intende far sì che il «Tour du Mont» raggiunga uno standard di qualità al passo con i tempi. Si prevede dunque di allargare il sentiero dagli attuali 0,4-0,6 metri a 1,2 metri. Dove emergono, le radici dovranno essere coperte. Uno stretto passaggio verrà ampliato con una passerella e verrà reso sicuro con apposite reti contro il pericolo di caduta massi. Per mezzo di terrazzamenti verrà ridotto il dislivello del sentiero. Con questi miglioramenti si vuole facilitare ancor di più la transitabilità del sentiero, consentendone il futuro accesso per tutto l’arco dell’anno.

Il sentiero circolare fa parte di una rete di percorsi tematici situati nell’intero territorio comunale. I singoli percorsi sono armonizzati tra di loro e si fondono in un piano didattico denominato «De Chalais aux chalets».

Tine de Conflens (VD)

Foto: mad

La Tine de Conflens presso La Sarraz, nell’altopiano vodese, è un luogo davvero speciale: in una profonda gola nel bosco confluiscono i due ruscelli Le Veyron e La Venoge. Nel luogo in cui sboccano, essi si immergono in profondità dando vita a cascate pittoresche. Uno stretto sentiero consente di accedere allo scenario straordinario. Dopo diverse cadute di massi, tuttavia, il passaggio è diventato sempre più pericoloso, motivo per cui il Comune ha dovuto bloccare l’accesso nel 2016.

Ora è stato possibile rendere il sentiero nuovamente percorribile, grazie al lavoro svolto con impegno ed energia da diversi team di collaboratori volontari sotto la guida della fondazione Bergwaldstiftung. Prima di procedere al ripristino è stata innanzitutto allestita una perizia geologica. Successivamente si è proceduto a pulire le parti rocciose, costruire nuove passerelle e gradini e rinforzare i parapetti lungo il percorso. Nei prossimi mesi una vecchia passerella realizzata in cemento e acciaio sarà sostituita da una costruzione in legno.

Da quando il sito naturale è di nuovo accessibile, gode di un intenso afflusso di visitatori. Le autorità dei comuni limitrofi esortano i visitatori a viaggiare, per quanto possibile, con i mezzi pubblici. Dalla stazione ferroviaria di La Sarraz si raggiunge la Tine de Conflens a piedi in circa 40 minuti. Ancora più vicino (circa 20 minuti) è situata la stazione degli autobus Ferreyres/La Tine; l’autobus passa a orari regolari dal lunedì al venerdì; il fine settimana è disponibile come bus a chiamata.

Zirkelsgraben (FR)

L’itinerario escursionistico Düdingen-Schmitten-Ueberstorf, situato nel distretto di Sense nel Cantone di Friburgo, viene valorizzato in modo interessante. Il tratto che va da Hofmatte a Ledeubach attraversava finora entrambe le frazioni di Zirkels e Oberzirkels, confluendo quindi in parte su linee di trasporto merci asfaltate. Questa parte relativamente poco allettante viene ora sostituita con un nuovo percorso, che si snoderà lungo Ledeubach.

Oltre a rendere possibile un tratto più vario e interessante, questo miglioramento consentirà nel contempo anche di esplorare la parte inferiore del Zirkelsgraben, finora inaccessibile. Si tratta di una gravina idillica e geologicamente interessante, che presenta preziose superfici per la biodiversità.

Le misure strutturali si limiteranno a interventi a basso impatto. Sui prati e nel bosco verranno creati solamente sentieri battuti, sprovvisti o quasi di uno strato di ghiaia portante. Le incisioni nel terreno per la tracciatura vengono effettuate in modo mirato. In singoli punti più difficili da attraversare sono stati installati gradini, scale e ringhiere. Il progetto verrà integrato con la realizzazione di un ponte di legno, attraversamenti di corsi d’acqua nonché la rivalutazione di uno stagno.

 

Foto: mad

Vai a

Prix Rando

Contribuire